Archive for novembre 2012

biscottini morbidi alla cannella

INGREDIENTI:

– 130 gr di farina di riso

– 70 gr di farina integrale di grani antichi

– 90 gr zucchero di canna integrale

– 90 ml di latte di riso o d’avena

– 1 cucchiaio di sciroppo d’acero (facoltativo)

– 4 cucchiai di olio E.V.O.

– ½ bustina di lievito (cremor tartaro)

– cannella: 1 stecca e 15 gr in polvere

– un pizzico di sale di Cervia

PREPARAZIONE:

1- aromatizzare il latte vegetale con la stecca di cannella riscaldandolo in un pentolino sul fuoco

2- mescolare le farine con il lievito e lo zucchero, poi aggiungere l’olio e lo sciroppo d’acero;

3- aggiungere il latte a filo e lavorare l’impasto;

4- aggiungere la cannella in polvere ed il pizzico di sale;

5- continuare a lavorare l’impasto fino a formare una bella palla liscia;

6- stendere la pasta con un matterello fino allo spessore di 1 cm e ritagliare con degli stampini i biscotti;

7- infornare su una teglia con carta da forno per 8-10 min a 180°C in modalità statica (senza ventola!)

I biscottini sono pronti per essere mangiati, potete anche accompagnarli con del cioccolato fuso, sciolto a bagnomaria o nel microonde. Potete usare anche un solo tipo di farina ma in questo caso vi conviene aggiungere il latte poco alla volta perché il quantitativo necessario potrebbe essere diverso.

GNAM GNAM… ciaociao Eleonora!

 

RICETTA VEGAN OK  VeganOK

Annunci

passata di zucca, porri e patate

Vi voglio proporre una ricetta velocissima da realizzare interamente coi prodotti del GAS
ingredienti:
500 gr di zucca mondata a cubetti di Michele di CampiAperti
1 porro
1 patata media
1 lt di brodo vegetale degli Strulgador
preparazione:
far cuocere 10 minuti in pentola a pressione tutti gli ingredienti, poi frullare col pimer e servire con crostini di pane abbrustoliti o una manciata di pastina da brodo (i semini di melone della Iris sono i miei preferiti!)
buon appetito, ChiaraB!!!!!passata di zucca

E si ricomincia con le arance…

Partito il 1° ordine mensile di agrumi biologici di Sicilia de “Le Galline Felicii”, un’associazione di piccoli e piccolissimi produttori bio siciliani innamorati della loro terra e determinati a combattere la mafia con le “produzioni sane” ed il rispetto per gli uomini ed il loro lavoro. Il GAS vi cambia, una mano tesa a chi lotta contro gli sfruttamenti e la soddisfazione di combattere la mafia e l’influenza con un gesto solo! Arrivo previsto 19 novembre!

Ora vi spieghiamo il perché di un nome così singolare, dal loro sito, http://www.legallinefelici.it/ si legge:
“Scusate, come potrebbero essere se non felici delle galline che, provenienti da un allevamento in batteria (6 per gabbia 40X80), impossibilitate a girare su se stesse con le luci sempre accese sospese su una grata, si ritrovano improvvisamente in un giardino, per loro, sconfinato, libere di andare dove vogliono, di dormire appollaiate sugli alberi sotto la luna e le stelle, di scegliersi un albero, scoprendo di poter trovare cibo grattando la terra, e divertirsi contendendosi un lombrico, di poter allargare le alucce e addirittura svolazzare, e perdipiù con dei galli prestanti a disposizione ed allevare i pulcini? E’ successo infatti che anni fa alcuni di noi hanno preso per mille lire l’una le galline che gli allevamenti industriali consideravano esaurite e le hanno lasciate riprender vita, fiato e penne, sotto i nostri alberi, e così è stato… ed hanno continuato a vivere per anni!. Facciamo agricoltura biologica, qualcuno di noi da più di venti anni,
quando la b di biologico non era codificata, anzi era irrisa e derisa da più parti…

-PERCHE vogliamo che i nostri figli, se mangiano le erbe in giro nei campi le mangino pulite, dentro e fuori;
-PERCHE abbiamo verificato negli anni che si possono ottenere prodotti eccellenti senza ricorrere alla chimica;
-PERCHE facciamo gli agricoltori biologici per vivere più a lungo e meglio… lagricoltore chimico (cosiddetto convenzionale) è la prima vittima dei prodotti che usa (vedi statistiche sulla diffusione di tumori e malattie respiratorie tra gli agricoltori in aree ad agricoltura intensiva);
-PERCHE vogliamo combattere gli sfruttamenti (troppo frequenti) in genere ed in ambito lavorativo;
-PERCHE il sole, il vento, la pioggia, il caldo e il freddo fanno parte dellessere uomini e donne.
Vendiamo i nostri prodotti ai gruppi d’acquisto PERCHE’ siamo stanchi di essere sfruttati e maltrattati
i commercianti e le cooperative (bio e non) ci hanno per anni maltrattati, presi in giro, sfruttati ed hanno svalorizzato le nostre produzioni e quindi le nostre vite preziose ed il nostro lavoro; crediamo che i Gruppi d’Acquisto siano un canale attraverso il quale sia possibile trattare da persone con persone e non come numeri per intermediatori o partite e lotti. Non abbiamo bisogno di raggiungere il massimo numero di potenziali consumatori, non avremmo prodotti sufficienti. Abbiamo solo bisogno del giusto numero di amici che assorbano le nostre produzioni e che vogliamo scambiare con loro. Vi invitiamo a venirci a trovare PERCHE’ vogliamo incrociare gli sguardi, PERCHE’ la Sicilia è splendida e vogliamo farvela vivere da dentro, e non da turisti, PERCHE’ possiate verificare di persona chi produce le arance che mangiate e spremete per i vostri figli e come lo fa.”.