Posts Tagged ‘Campi Aperti Bologna’

Il pane a lievitazione naturale di Agnese

Agnese ci fornisce il pane ed i prodotti da forno da quando siamo nati come GAS, qui di seguito le foto ed i dettagli dei prodotti:   proposte-pane-agnese

Annunci

Pummarola Day 2016

Sabato 13 agosto 2016, presso l’azienda agricola biologica “Ca’ Battistini” di Carlo e Germana di CampiAperti, abbiamo dato vita alla nostra QUARTA auto-produzione di pomodori biologici in barattolo (della TERZA svolta l’anno scorso -2015- non ci è stato possibile scrivere), in uno spazio più ristretto rispetto agli altri anni ovvero sotto il portico in quanto il magazzino dove eravamo soliti svolgere le passate edizioni del nostro Pummarola Day ora è diventato il laboratorio dei Fermenti Sociali che produce le più buone birre artigianali biologiche della zona e che questo GAS ordina mensilmente.

GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

gruppone

Sempre in direzione ostinata e contraria alla pigra vignolesità agostana, Eleonora, Graziella, ElenaB, Elisa, la Merz, Pino, Daniela, Ottavio, Margherita e Fausto hanno:

  • tagliato a pezzetti i pomodori
GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

Graziella, Daniela ed Elisa tagliano a pezzettoni i pomodori

  • messo i pezzetti di pomodoro nei vasetti di vetro, riciclando anche i vasetti già usati perché è bene evitare gli sprechi

GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

GAS vi cambia Vignola

  • cotto i vasetti all’interno dei “fugon” o grandi pentoloni – nel nostro caso abbiamo dovuto usare dei bidoni perché i vasetti erano davvero tanti – per svariate ore, procedimento che ne garantisce la sterilizzazione del contenuto e conseguente conservazione

GAS vi cambia Vignola

  • pranzato allegramente con deliziosi manicaretti preparati da noi con le verdure del GAS e condivisi con tutti/e, padroni di casa e produttore di verdure compreso; sono state stappate e bevute le 2 preziose bottiglie di “Urupia Reserva”, il vino regalatoci dalle care amiche comunarde di Urupia in occasione del ventennale della comune… era buonissimo!   

GAS vi cambia Vignola

GAS vi cambia Vignola

E solo il giorno dopo i vasetti, raffreddatisi, possono essere tirati fuori dai pentoloni ed essere divisi tra le/i partecipanti. Abbiamo prodotto 374 vasetti (grandi, medi e piccoli) ed ognuno dei partecipanti si è portato a casa 53 vasetti che saranno utilissimi in inverno quando i pomodori non ci sono ma ci viene comunque voglia di una spaghettata al sugo. Pare che sia meglio aspettare un paio di mesi prima di aprire i barattoli, in questo modo i pomodori avranno concentrato il loro sapore e saranno buonissimi quindi meglio aspettare fino ad ottobre per fare il 1° sughetto!

Ed abbiamo anche una etichetta bellissima, a gratis (grazie Eleonora!)

GAS Vignola GAS vi cambia pummarola day 2016

E‘ diritto di un popolo avere cibo sano, prodotto attraverso metodi sostenibili, ecologici e trasparenti; questi vasetti di pomodori da noi prodotti sono parte della strategia di resistenza che il GAS vi cambia di Vignola attua contro il regime commerciale alimentare imposto dalle multinazionali.

Eleonora Mar., Graziella, ElenaB, Elisa, Eleonora Merz, Pino, Daniela, Ottavio, Margherita e Fausto… davvero una bella squadra, una bella energia e tante risate in serenità per una giornata di preziosa autoproduzione.

Evviva il GAS vi cambia di Vignola!

Le streghine (crackersini)

IMG01583-20151210-1957
Ingredienti per 400 gr:
-300 gr di farina integrale, 0 farro, anche miscelate
-50 gr di olio evo (delicato)
– 5 gr di sale
– 150 ml circa di acqua
– poi si possono fare così semplici oppure aggiungere sesamo, rosmarino….
Preparazione:
– Si lavorano tutti gli ingredienti insieme fino ad ottenere un impasto omogeneo
– si stende la pasta in uno strato sottile 2-3 mm circa
– si tagliano quadratini della grandezza di 5 cm circa
– si inforna a 180°C per circa 10-15 min.
– si servono con salsine varie per es. con il guacamole
Buon divertimento
Giorgia Z. (w il nordic walking!)

Zuppa di lenticchie e favino

GAS vi cambia - Vignola

gas vi cambia vegan ok

Ingredienti per 4 persone:         
– 6 cucchiai di favino secco dell’Az.agr. La Sega di Michele Caravita
– 6 cucchiai di lenticchie dell’Az. Agr. di Valerio Abbiate

– 1 porro dell’Az.agr. La Sega di Michele Caravita
– mezzo cespo d’insalata dell’Az. Agr La Sega di Michele Caravita (o 5 foglie di cavolo nero)
– 400 gr di zucca dell’Az.Agr. La Sega di Michele Caravita (CampiAperti)

– una decina di foglie di sedano o mezzo ciuffo di un sedano-rapa

– 1 cucchiaio di curcuma della Bottega Oltremare di Vignola
– sale dolce di Cervia e olio EVO di Urupia q.b.

Preparazione:
1- far soffriggere in abbondante olio EVO il porro tagliato a rondelle finché non diventano dorati, se non avete i porri vanno benissimo anche le cipolle;
2- aggiungere il favino e le lenticchie;
3- lasciare insaporire il tutto per 7-8 min circa abbassando al minimo la fiamma e mescolando per evitare che si attacchino al fondo;
4- allungare il soffritto con acqua bollente (almeno 1-1,5 lt), aggiungere le foglie di sedano tagliate a striscioline e lasciar cuocere per 15 min;
6- aggiungere la zucca, privata di buccia e semi, ridotta a dadoni e i fagiolini puliti e tagliati a pezzetti e la curcuma;
7- proseguire la cottura per altri 10 min e quindi aggiungere la lattuga finemente tagliuzzata;

8- dopo 15 min circa la nostra zuppa sarà pronta… solo ora potete salarla perché ricordatevi che il sale indurisce i legumi e se aggiunto prima ne rallenta la cottura.

Potete aggiungere a fine cottura un po’ d’olio EVO e servirla con un paio di fette di pane di grani antichi abbrustolite.

Ho inventato questa zuppa un paio di sere fa usando quasi tutte le verdure della nostra cassetta che erano rimaste inutilizzate in frigorifero (ho aggiunto anche pochi fagiolini tagliati a pezzetti) e devo dire che, inaspettatamente, il risultato è stato veramente ottimo. Al posto della lattuga potete usare anche il cavolo nero ma ricordate di togliere la costa centrale e non farlo cuocere per più di 10min, quindi aggiungetelo alla fine. Per le zuppe preferisco usare una bella pignatta di terracotta che lascia i sapori morbidi, ma sono sicura che qualunque pentola farà il suo dovere; del porro mi piace usare anche tutta la parte verde (fin dove si può), è edibile anch’essa, molto saporita e non si deve assolutamente buttare via. Per chi ama il piccante, al soffritto iniziale si può aggiungere un peperoncino rosso sminuzzato ma non rinunciate al cucchiaio di curcuma se volete rinforzare le vs difese immunitarie.

Adattissima nelle serate piovosissime ma non solo…
Gnam gnam!
Eleonora Mar.

Canederli di cavolfiore e broccoletti

IMG_0238

Ingredienti per circa 12 canederli:

  • 200 gr di mollica di pane raffermo
  • 250 gr di cavolfiore dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 150 gr di broccoli dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 50 gr di latte di mandorla (o di riso o d’avena)
  • 1 uovo
  • poca farina seminitegrale Il Biricoccolo
  • dragoncello, salvia e rosmarino
  • olio EVO q.b.
  • sale di Cervi q.b.

Procedimento:

  • Tagliare a dadoni il pane;
  • Ammorbidire il pane nel latte;
  • Cuocere a vapore il cavolfiore ed il broccolo e schiacciarli coi rebbi di una forchetta;
  • Mettere in un qualunque robot da cucina il pane ed aggiungere il cavolfiore/broccolo schiacciato, aggiustare di sale e continuare ad amalgamare ed infine unire all’impasto l’uovo;
  • Aggiungere poca farina e se l’impasto dovesse risultare troppo morbido potete aumentare la quantità di farina o aggiungere del pangrattato;
  • Quando il composto sarà uniforme, senza grumi e modellabile, formare delle palline di uguale dimensione di circa 4-5 cm di diametro, farle rotolare in poca farina per aiutarle a tenere la forma;
  • Cuocere i canederli in abbondante acqua salata per circa 3-5 minuti, saranno pronti quando li vedrete galleggiare;
  • Condire con olio EVO scaldato in un pentolino con dragoncello, salvia e rosmarino tritati finemente.

GAS Vignola - GAS vi cambia

 

Anche la nostra gasista Nushin Delkhosh ha provato a fare una ricetta simile che “gira in internet”, lei ha aggiunto 50gr di parmigiano reggiano ed un po’ di curry… è stata così contenta del risultato che ha voluto condividere con tutte/i voi la foto del piatto ultimato, provate anche voi!

GAS vignola GAS vi cambia

Il periodo dei cavoli è solo all’inizio e la nostra fantasia è illimitata.

Eleonora Mar.