Posts Tagged ‘il Biricoccolo’

Canederli di cavolfiore e broccoletti

IMG_0238

Ingredienti per circa 12 canederli:

  • 200 gr di mollica di pane raffermo
  • 250 gr di cavolfiore dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 150 gr di broccoli dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 50 gr di latte di mandorla (o di riso o d’avena)
  • 1 uovo
  • poca farina seminitegrale Il Biricoccolo
  • dragoncello, salvia e rosmarino
  • olio EVO q.b.
  • sale di Cervi q.b.

Procedimento:

  • Tagliare a dadoni il pane;
  • Ammorbidire il pane nel latte;
  • Cuocere a vapore il cavolfiore ed il broccolo e schiacciarli coi rebbi di una forchetta;
  • Mettere in un qualunque robot da cucina il pane ed aggiungere il cavolfiore/broccolo schiacciato, aggiustare di sale e continuare ad amalgamare ed infine unire all’impasto l’uovo;
  • Aggiungere poca farina e se l’impasto dovesse risultare troppo morbido potete aumentare la quantità di farina o aggiungere del pangrattato;
  • Quando il composto sarà uniforme, senza grumi e modellabile, formare delle palline di uguale dimensione di circa 4-5 cm di diametro, farle rotolare in poca farina per aiutarle a tenere la forma;
  • Cuocere i canederli in abbondante acqua salata per circa 3-5 minuti, saranno pronti quando li vedrete galleggiare;
  • Condire con olio EVO scaldato in un pentolino con dragoncello, salvia e rosmarino tritati finemente.

GAS Vignola - GAS vi cambia

 

Anche la nostra gasista Nushin Delkhosh ha provato a fare una ricetta simile che “gira in internet”, lei ha aggiunto 50gr di parmigiano reggiano ed un po’ di curry… è stata così contenta del risultato che ha voluto condividere con tutte/i voi la foto del piatto ultimato, provate anche voi!

GAS vignola GAS vi cambia

Il periodo dei cavoli è solo all’inizio e la nostra fantasia è illimitata.

Eleonora Mar.

 

 

Annunci

“Camille” di zucca

GAS Vignola GAS vi cambia - camille di zuccaa

Ingredienti per 12 camille

  • 200 gr di zucca pulita dell’Az.Agr. La Sega di Michele Caravita
  • 180 gr di zucchero integrale dei Sem Terra
  • 2 uova di BioRuggeri
  • 100 gr di latte vegetale (riso o avena)
  • 100 gr di olio EVO
  • 300 gr di farina semintegrale di Consolida 
  • 100 gr di mandorle sgusciate de La Fattoria della Mandorla
  • 1 bustina di lievito naturale (cremor tartaro)
  • 1 pizzico di sale di Cervia

Procedimento

  • impastare in un qualunque robot da cucina le mandorle, lo zucchero e la zucca a pezzetti

  • con le lame in movimento aggiungere tutti gli altri ingredienti uno alla volta

  • continuare ad impastare fino a che tutto è ben amalgamato ed è diventato una soffice crema 
  • mettere l’impasto nei pirottini per muffin

  • infornare per 20 minuti a 180°C.

Vi assicuro che smangiucchiati la mattina a colazione o in una breve pausa di relax con una tisana degli Strulgador sono davvero ottimi… beh, a dir la verità sono buonissimi sempre!

Ah… dimenticavo… io mi sono autoprodotta del latte di riso in maniera rapidissima in questo modo: immergere 50gr di riso bianco in 1lt d’acqua ad 80°C, lasciare in ammollo per 8min, frullare col minipimer, attendere 4-5min, filtrare con un colino finefinefine, aggiungere a gradimento zucchero di canna o sciroppo d’acero… ed ecco il vs latte vegetale è pronto!

Eleonora Mar.

Il cibo senza valigia – un incontro con i nostri produttori di farine di grani antichi

gas vignola gasvicambia gasbaz

Venerdì 4 aprile nell’accogliente Sala dei Giganti della Rocca dei Bentivoglio a Bazzano si è svolto un bell’evento organizzato dal GASBAZ di Bazzano, da noi del GAS vi cambia e dal GAS-Pare di San Giovanni in Persiceto in cui abbiamo avuto modo di conoscere le realtà agricole Biriccolo di Crespellano e Arvaia di Bologna. Il Biricoccolo è figlio degli Streccapogn ed è una “società semplice” di coltivatori/e o “Fattoria Sociale” come amano definirsi ovvero un’ impresa economicamente sostenibile, che svolge la propria attività agricola proponendo i prodotti sul mercato, in modo integrato con l’offerta di servizi culturali, educativi, assistenziali, formativi e occupazionali a vantaggio dell’inserimento sociale e lavorativo di soggetti deboli. Noi de Il GAS vi cambia da tre anni conosciamo Elena Legnani che ne fa parte e che venerdì sera ci ha esposto una successione di slide con le quali ci ha spiegato i danni che abitualmente le produzioni e le coltivazioni convenzionali arrecano al nostro Pianeta… cosa che invece il Biricoccolo non fa perché pratica l’agricoltura con metodo biologico; loro coltivano principalmente ortaggi, grano antico, legumi, ed una selezione di piccoli frutti… noi li conosciamo perché sono i nostri fornitori (insieme all’Ecovillaggio Consolida) delle buonissime farine di grani antichi, così povere di glutine e così ricche di proprietà in quanto integrali.

GAS Vignola GAS vicambia cibosenzavaligia 1

Stefano di Arvaia ci ha parlato di CSA (Community Supported Agricolture) ovvero Agricoltura Sostenuta dalla Comunità, un modello economico che pur mantenendo come finalità la coltivazione di piante a fini alimentari, contestualmente persegue il bene comune… come? Coinvolgendo le comunità locali ed i cittadini, utilizzando sistemi di produzione che fanno solo bene all’ambiente (biologico con tendenza al biodinamico) e di commercializzazione diretta principalmente ai gruppi d’acquisto. A questo proposito ci ha mostrato un breve video della GartenCoop di Friburgo, la bellissima realtà ispiratrice di Arvaia (clikka qui per il sito GartenCoop) che però ha il vantaggio di avere una legislazione che ammette il contributo lavorativo dei soci, peccato che invece in Italia non sia possibile.

E’ una visione dell’agricoltura fondata su pratiche sociali, economiche e ambientali sostenibili, sull’etica, sul senso di responsabilità e sulla reciprocità. La community-supported agriculture CSA (in italiano, agricoltura sostenuta dalla comunità) fa riferimento a modelli di produzione agricola di piccola/media scala, integrati nel sistema locale in quanto su terreni concessi dal Comune e quindi anche legati alle vicine comunità di persone. Arvaia in particolare tiene molto alla didattica ed è per questo che ogni fine settimana apre le porte ai soci e alle socie sostenitrici che, imparando piccole azioni che l’agricoltore svolge abitualmente, aiutano la cooperativa nella pratica aziendale ed al tempo stesso capiscono quanto è difficile il mestiere del coltivare.

GAS Vignola GAS vicambia cibosenzavaligia

La produzione di ortaggi, nelle forme di vendita diretta, non si esaurisce quindi ad un semplice “scambio mercantile”, bensì, mantiene valori di relazione durevoli e continuativi che fanno bene alla comunità, finalità che noi del GAS conosciamo benissimo e condividiamo in pieno. Sia il Biricoccolo che Arvaia fanno parte di CampiAperti, associazione che riunisce contadini e coproduttori uniti in lotta per la sovranità alimentare, che ci ha visti nascere come GAS e che rappresenta per noi un punto di riferimento importante. Alla fine della conferenza un bel rinfreschino offerto da noi del GAS e dai produttori ci ha permesso di socializzare ancora di più con la sessantina di persone che hanno affollato la sala per l’evento. Beh, noi del GAS di Vignola col GAS di Bazzano, con persone così solari e motivate e con questi produttori così ci troviamo proprio bene… sono questi legami che ci fanno capire quanto la Rete tra GAS può fare per combattere un modello economico e sociale che punta solo alla competizione: no grazie, noi preferiamo vivere in un altro modo ed in un altro mondo e ci stiamo impegnando costantemente a costruirlo.

Eleonora, Carla, ElenaB, Dafne (e compagno), Jennifer (con famiglia al completo) Ottavio, Michele e Rosanna, Fausto, hanno partecipato per il GAS vi cambia – Vignola