Posts Tagged ‘Michele Caravita’

Pummarola Day 2016

Sabato 13 agosto 2016, presso l’azienda agricola biologica “Ca’ Battistini” di Carlo e Germana di CampiAperti, abbiamo dato vita alla nostra QUARTA auto-produzione di pomodori biologici in barattolo (della TERZA svolta l’anno scorso -2015- non ci è stato possibile scrivere), in uno spazio più ristretto rispetto agli altri anni ovvero sotto il portico in quanto il magazzino dove eravamo soliti svolgere le passate edizioni del nostro Pummarola Day ora è diventato il laboratorio dei Fermenti Sociali che produce le più buone birre artigianali biologiche della zona e che questo GAS ordina mensilmente.

GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

gruppone

Sempre in direzione ostinata e contraria alla pigra vignolesità agostana, Eleonora, Graziella, ElenaB, Elisa, la Merz, Pino, Daniela, Ottavio, Margherita e Fausto hanno:

  • tagliato a pezzetti i pomodori
GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

Graziella, Daniela ed Elisa tagliano a pezzettoni i pomodori

  • messo i pezzetti di pomodoro nei vasetti di vetro, riciclando anche i vasetti già usati perché è bene evitare gli sprechi

GAS vi cambia Vignola - Pummarola Day 2016

GAS vi cambia Vignola

  • cotto i vasetti all’interno dei “fugon” o grandi pentoloni – nel nostro caso abbiamo dovuto usare dei bidoni perché i vasetti erano davvero tanti – per svariate ore, procedimento che ne garantisce la sterilizzazione del contenuto e conseguente conservazione

GAS vi cambia Vignola

  • pranzato allegramente con deliziosi manicaretti preparati da noi con le verdure del GAS e condivisi con tutti/e, padroni di casa e produttore di verdure compreso; sono state stappate e bevute le 2 preziose bottiglie di “Urupia Reserva”, il vino regalatoci dalle care amiche comunarde di Urupia in occasione del ventennale della comune… era buonissimo!   

GAS vi cambia Vignola

GAS vi cambia Vignola

E solo il giorno dopo i vasetti, raffreddatisi, possono essere tirati fuori dai pentoloni ed essere divisi tra le/i partecipanti. Abbiamo prodotto 374 vasetti (grandi, medi e piccoli) ed ognuno dei partecipanti si è portato a casa 53 vasetti che saranno utilissimi in inverno quando i pomodori non ci sono ma ci viene comunque voglia di una spaghettata al sugo. Pare che sia meglio aspettare un paio di mesi prima di aprire i barattoli, in questo modo i pomodori avranno concentrato il loro sapore e saranno buonissimi quindi meglio aspettare fino ad ottobre per fare il 1° sughetto!

Ed abbiamo anche una etichetta bellissima, a gratis (grazie Eleonora!)

GAS Vignola GAS vi cambia pummarola day 2016

E‘ diritto di un popolo avere cibo sano, prodotto attraverso metodi sostenibili, ecologici e trasparenti; questi vasetti di pomodori da noi prodotti sono parte della strategia di resistenza che il GAS vi cambia di Vignola attua contro il regime commerciale alimentare imposto dalle multinazionali.

Eleonora Mar., Graziella, ElenaB, Elisa, Eleonora Merz, Pino, Daniela, Ottavio, Margherita e Fausto… davvero una bella squadra, una bella energia e tante risate in serenità per una giornata di preziosa autoproduzione.

Evviva il GAS vi cambia di Vignola!

Annunci

Pizza rustica con la lattuga

gas vi cambia vegan ok

GAS Vignola GAS vi cambia - pizza con la lattuga

Ingredienti:

– 500gr di pasta del pane (va bene una qualunque pasta-base per pizza rustica)

– 2 cespi di lattuga dell’Az. agr. La Sega

– 1 cipolla grossa dell’Az. agr. La Sega

– 20 olive in salamoia di Urupia

– 20 gr di semi di girasole

– 10 gr di semi di sesamo

– olio EVO q.b.

– 1 cucchiaino di curcuma q.b.

Procedimento:

– io ho usato la pasta lievitata con la pasta madre che di solito uso per fare la pizza ed il pane per cui 8 ore prima ho “messo avanti la pasta madre”; potete comunque farne una molto semplice mescolando 350gr di farina, un po’ d’acqua tiepida, 1 bustina di cremor tartaro, 2 cucchiai d’olio EVO ed 1 cucchiaino di sale;

– fate saltare in padella la cipolla finemente tritata e  la lattuga tagliata a striscioline per 7-8min;

– aggiungete le olive snocciolate tagliate a pezzetti ed i semi di girasole, lasciate sfrigolare ancora qualche minuto e spegnete il fuoco;

– inclinate la padella e lasciatela in questa posizione mentre preparate il resto di modo che il liquido della lattuga coli tutto da un lato; questo vi permetterà di avere un bel ripieno consistente e non fluido;

– dividete la pasta in due pallotte;

– con la prima rivestite una pirofila stando attente/i a che non si formino dei buchi e cospargetela con 5 gr di semi di sesamo, poi riempitela con la lattuga stando attente/i a escludere il liquido;

– “tirate” la seconda pallotta di pasta ottenendo un sottile strato che ricoprirà la nostra pizza; sigillatela bene negli angoli ed in ultimo fate dei buchini sulla superficie con i rebbi di una forchetta;

– ora mescolate 2 cucchiai di olio EVO con la curcuma ed i semi di sesamo rimasti; spennellate la superficie della pizza rustica con questo composto;

– infornate per 35min a 180°C;

– servite quando si sarà raffreddata.

GAS vi cambia Vignola - pizza di lattuga

Ringrazio la nostra cara gasista Margherita Scotto di Perta che m’ha suggerito questa ricetta (in verità lei la fa con la scarola secondo la ricetta originale napoletana); dal momento che io non amo molto le insalate in genere ed il nostro Michele “non ce le fa mai mancare”, ho trovato questo modo interessante per utilizzarle… non appena mi ritrovo in cassetta un cespo (lattuga, radicchio, scarola ecc…) lo trasformo presto o tardi in pizza.

Per evitare che il “coperchio” della pizza si rompa durante il suo posizionamento, mettete la pallotta di pasta su un foglio di carta da forno e “tiratelo” col matterello, in questo modo sarà semplicissimo capovolgerlo sopra la pirofila senza che si spacchi per poi rimuovere pian piano la carta e sigillare il tutto.

Gnam gnam

Eleonora Mar.

3a GAStronomia, la cena del GAS vi cambia all’Osteria della Luna

GAS vi cambia Vignola cena 27.02 Osteria della Luna
E’ tutto pronto per la 3a cena vegetariana del GAS vi cambia all’Osteria della Luna di Vignola,
venerdì 27 febbraio il tema della cena vegetariana è:  “i legumi”.
Insieme a Antonio Tondelli e al suo cuoco abbiamo messo a punto il menù,
eccolo:

– Tortino di lenticchie e patate rosse su crema di formaggi LamaGrande;
– Strichetti con crema di porro e ceci;
– Zuppa di fagioli neri, con crostini piccanti;
– Polpette vegetariane (ceci e fagioli neri) su di un letto di verdure
– Piccolo assaggio di formaggi
– Frittelle dolci di ceci e fagioli neri.
Abbinamento di vini ad opera dell’Oste
Il prezzo è di 25€ tutto compreso per adulti ed adulte,
10€ per bimbi e bimbe 5-10 anni, 0-5 anni gratis;

Gli ortaggi > Az.agr. biologica La Sega di Michele Caravita

Lenticchie e patate > Az.agr. biologica Abbiate Valerio

Ceci e farina di ceci > Az.agr. biologica La Masseria di A. La Palombara

La frutta biologica > Az.agr. Amabio di Elisa Mattioli

Il prezzo è di 25€ per gli adulti e le adulte,
bimbi e bimbe 5-10 anni 10€
0-5 anni gratis

Prenotatevi telefonando direttamente in Osteria: 059 764670

Ve -ni-teee, ve-ni-teee, ve-ni-teee!!!

Canederli di cavolfiore e broccoletti

IMG_0238

Ingredienti per circa 12 canederli:

  • 200 gr di mollica di pane raffermo
  • 250 gr di cavolfiore dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 150 gr di broccoli dell’Az. agricola “La Sega” di Michele Caravita
  • 50 gr di latte di mandorla (o di riso o d’avena)
  • 1 uovo
  • poca farina seminitegrale Il Biricoccolo
  • dragoncello, salvia e rosmarino
  • olio EVO q.b.
  • sale di Cervi q.b.

Procedimento:

  • Tagliare a dadoni il pane;
  • Ammorbidire il pane nel latte;
  • Cuocere a vapore il cavolfiore ed il broccolo e schiacciarli coi rebbi di una forchetta;
  • Mettere in un qualunque robot da cucina il pane ed aggiungere il cavolfiore/broccolo schiacciato, aggiustare di sale e continuare ad amalgamare ed infine unire all’impasto l’uovo;
  • Aggiungere poca farina e se l’impasto dovesse risultare troppo morbido potete aumentare la quantità di farina o aggiungere del pangrattato;
  • Quando il composto sarà uniforme, senza grumi e modellabile, formare delle palline di uguale dimensione di circa 4-5 cm di diametro, farle rotolare in poca farina per aiutarle a tenere la forma;
  • Cuocere i canederli in abbondante acqua salata per circa 3-5 minuti, saranno pronti quando li vedrete galleggiare;
  • Condire con olio EVO scaldato in un pentolino con dragoncello, salvia e rosmarino tritati finemente.

GAS Vignola - GAS vi cambia

 

Anche la nostra gasista Nushin Delkhosh ha provato a fare una ricetta simile che “gira in internet”, lei ha aggiunto 50gr di parmigiano reggiano ed un po’ di curry… è stata così contenta del risultato che ha voluto condividere con tutte/i voi la foto del piatto ultimato, provate anche voi!

GAS vignola GAS vi cambia

Il periodo dei cavoli è solo all’inizio e la nostra fantasia è illimitata.

Eleonora Mar.

 

 

Parmigiana di bietole

GAS Vignola GAS vi cambia - parmigiana di bietole

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr di bietola a coste (Az. agr. La Sega di Michele Caravita)
  • 300 gr di caciotta o scamorza (Fattoria Lama Grande di Lino Lago) o in alternativa 1 conf. di tofu al naturale (SunSoy Food)
  • 1 barattolo grande di pomodori autoprodotti del GAS vi cambia o in alternativa 1 bottiglia di passata di pomodoro
  • 1 piccola cipolla
  • pangrattato
  • olio EVO (Az. agr. La Petrosa della comune di Urupia)
  • sale naturale marino di Cervia q.b.

Preparazione:

 separate le coste dalle foglie e cuocetele al vapore utilizzando il “ragnetto” (vedi foto)

GAS Vignola GAS vi cambia - ragnetto per vedrdure a vapore– dopo 10 minuti aggiungete anche le foglie che andranno cotte solo per 2-3 minuti;

– in un tegame fate soffriggere in poco olio EVO la cipolla tritata e, quando sarà dorata, aggiungete i pomodori;

– fate cuocere per 15 minuti aggiustando di sale;

– ora, per ottenere una bella crema di pomodoro, potete frullare i pomodori ormai cotti col minipimer;

– tagliate a fettine molto sottili la caciotta;

 disponete, in una pirofila precedentemente unta, un primo strato di coste, condendole con poco olio d’oliva EVO e cominciate a fare i vari strati fino all’esaurimento degli ingredienti seguendo questa successione: bietole-crema di pomodoro-fettine di caciotta, avendo cura di fare lo strato di foglie di bietola doppio;

–  chiudete con le bietole spennellate di poco sugo su cui potete stendere un’abbondante spolverata di pangrattato e qualche fiocchetto di caciotta;

– infornate per 20 minuti circa a 200°C, gratinando nel finale.

GAS Vignola GAS vi cambia - parmigiana di bietole

Una variante piacevolmente vegana è quella che vedete in foto e che ho fatto proprio ieri sera facendo saltare il tofu tagliato a fette in padella con un filo d’olio e delle sottili rondelle di porro; dopo una quindicina di minuti l’ho schiacciato coi rebbi di una forchetta ed ho usato questo condimento al posto della caciotta, alternandolo alle foglie di bietola e al sugo, spolverando poi l’ultimo strato con un mix di pangrattato, nocciole e pinoli tritati. Com’era?  STREPITOSA!

Buon divertimento

Eleonora Mar