Posts Tagged ‘Strulgador’

La depurazione del corpo – seminario degli Strulgador

la_depurazione locandina

Domenica 15 febbraio 2015 in un bel pomeriggio di sole, Barbara e Lorenzo, i nostri amati erboristi Strulgador, hanno tenuto un bel seminario sulla depurazione a cui ho partecipato. Ci hanno spiegato che la depurazione è uno stimolo a recuperare il contatto col proprio corpo e all’autoconsapevolezza e va fatta in questo periodo perché l’inverno è quasi passato lasciandoci una buona quantità di tossine nel corpo e forse anche qualche chilogrammo di troppo.

Strulgador GAS vi cambia

Barbara Pisa a sinistra del camino e Lorenzo a destra; entrambi sono laureati in Tecniche Erboristiche presso la Facoltà di Farmacia di Modena

L’abitudine di mangiare di più in inverno ci è rimasta nonostante non si viva più in case poco riscaldate e non si cammini o lavori per ore sotto la neve come accadeva nei secoli scorsi (allora mangiare più grassi era una necessità dettata dal freddo e dall’inadeguatezza degli abiti). Oggi le nostre case sono riscaldate, piene di comfort e si passa tanto tempo seduti in auto, davanti al computer o alla TV pertanto il nostro corpo è costretto ad uno sforzo metabolico eccessivo che lo porta a produrre più tossine di quante ne possa smaltire. In questo periodo quindi è bene depurare l’organismo, come un tempo si osservavano i rigori della Quaresima, un “cammino di preparazione” alla rinascita primaverile.

GAS vi cambia Strugador

La depurazione che possiamo scegliere di fare è un regime alimentare adatto prima di tutto a noi di modo che non sia una sofferenza ma un atto d’amore verso il nostro corpo, protratto per un lasso di tempo abbastanza lungo (che potrebbe essere proprio i 40 giorni, come per la Quaresima) da essere efficace; è importante evitare il consumo di prodotti animali quindi niente carne o pesce e lo stesso vale per uova e formaggi, si preferiscono invece alimenti vegetali proteici, come i legumi, i semi oleosi e la frutta secca oleaginosa. I cereali danno il meglio di sé integrali o semintegrali: uno dei cereali ideali per la depurazione di primavera è il grano saraceno, ma ottimo è anche il miglio o il riso; meno indicato è il grano, per il suo contenuto di glutine. E’ consigliabile all’inizio del periodo di depurazione, ma anche saltuariamente nel suo prosieguo, la pratica del DIGIUNO per un giorno (solo acqua o anche tisane, se proprio non si riesce sono ammessi i passati di verdura senza olio o i succhi spremuti di frutta non dolcificati). Il regime di depurazione si basa quindi sul consumo quotidiano di frutta e ortaggi meglio se freschi o cotti per poco tempo, ricette molto semplici con pochi ingredienti. Per la colazione del mattino ottima è la crema budwig con semi di lino e noci, preziose fonti vegetali di omega 3; al posto del tea o del caffè sono preferibili tisane o caffè di cicoria, ricco di polifenoli protettivi del sistema cardiovascolare e inulina, una fibra solubile che nutre la flora dell’intestino migliorando la digestione e contribuendo ad eliminare le tossine in modo efficiente. Durante i pasti è consigliabile bere infusi tiepidi e per tutta la giornata possiamo continuare a bere tisane depurative molto leggere al posto dell’acqua; le piante che aiutano la depurazione sono: achillea, salvia, timo, maggiorana, menta, tarassaco, ortica, le foglie di malva e tiglio… di queste si può fare una leggerissima tisana insaporita con i semi di finocchio o di anice da portare con noi per tutto il giorno. Per i pasti che devono essere molto semplici (piatti con pochi ingredienti, 2 o 3 al massimo) e ridotti nelle quantità, prima di cuocere i legumi secchi è consigliabile un ammollo che ne generi la germogliazione, in questo modo si assumeranno più principi vitali. Quando cuociamo al vapore o lessiamo le verdure a foglia larga possiamo tenere l’acqua e berla tiepida, sarà utilissima alla nostra depurazione e ci regalerà inoltre tante vitamine. Una ricetta detossinante molto semplice è per esempio una bella insalata col cavolo cappuccio o la verza tagliata a striscioline sottilissime condita con pochissimo olio EVO, tanto succo di limone e semi di girasole.

GAS vi cambia Vignola - curcuma

radice di curcuma, in polvere e grattugiata

Particolarmente d’aiuto è la curcuma, una delle migliori spezie utili a purificare il fegato dalle tossine; va assunta in polvere nelle zuppe (il caldo ne attiva le proprietà) o a crudo grattugiandone la radice e accompagnandola con poco olio di zucca o EVO (in questo caso è l’olio che ne attiva le proprietà) ed oltre a depurare è anche un potente antitumorale con azione antiossidante.

Tantissime sono state le cose dette durante questo bel seminario, scriverle tutte qui è impossibile… per un approfondimento maggiore vi consiglio vivamente in futuro di partecipare, Barbara e Lorenzo sono davvero bravissimi!

Eleonora Mar.

 

Annunci

“Camille” di zucca

GAS Vignola GAS vi cambia - camille di zuccaa

Ingredienti per 12 camille

  • 200 gr di zucca pulita dell’Az.Agr. La Sega di Michele Caravita
  • 180 gr di zucchero integrale dei Sem Terra
  • 2 uova di BioRuggeri
  • 100 gr di latte vegetale (riso o avena)
  • 100 gr di olio EVO
  • 300 gr di farina semintegrale di Consolida 
  • 100 gr di mandorle sgusciate de La Fattoria della Mandorla
  • 1 bustina di lievito naturale (cremor tartaro)
  • 1 pizzico di sale di Cervia

Procedimento

  • impastare in un qualunque robot da cucina le mandorle, lo zucchero e la zucca a pezzetti

  • con le lame in movimento aggiungere tutti gli altri ingredienti uno alla volta

  • continuare ad impastare fino a che tutto è ben amalgamato ed è diventato una soffice crema 
  • mettere l’impasto nei pirottini per muffin

  • infornare per 20 minuti a 180°C.

Vi assicuro che smangiucchiati la mattina a colazione o in una breve pausa di relax con una tisana degli Strulgador sono davvero ottimi… beh, a dir la verità sono buonissimi sempre!

Ah… dimenticavo… io mi sono autoprodotta del latte di riso in maniera rapidissima in questo modo: immergere 50gr di riso bianco in 1lt d’acqua ad 80°C, lasciare in ammollo per 8min, frullare col minipimer, attendere 4-5min, filtrare con un colino finefinefine, aggiungere a gradimento zucchero di canna o sciroppo d’acero… ed ecco il vs latte vegetale è pronto!

Eleonora Mar.

Passeggiata riconoscimento e raccolta di erbe commestibili

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe1

Domenica 23 marzo, come programmato, il GAS vi cambia di Vignola incurante dei nuvoloni minacciosissimi e del pericolo di pioggia è andato a Pieve di Trebbio dove ad aspettarlo c’erano Lorenzo e Barbara degli Strulgador per una bellissima ed utilissima passeggiata nei prati per imparare a riconoscere e raccogliere le erbe commestibili. Gli Strulgador devono il loro nome al verbo dialettale emiliano “strúlgár”, parola di origine ferrarese che indica l’atto del ricercare; in senso più esteso indica le persone dotate di spirito d’iniziativa e di invenzione e quindi Barbara e Lorenzo, laureati in Tecniche Erboristiche presso la Facoltà di Farmacia di Modena hanno scelto di chiamarsi così. Esperti riconoscitori di erbe raccolgono con cura piante spontanee nei loro habitat incontaminati, le essiccano e le trasformano in rimedi erboristici. Sono loro a guidarci in queste passeggiate formative e ad insegnarci a riconoscere le erbe spontanee.

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe2

Abbiamo cercato e raccolto foglie e fiori buoni da mangiare e gemme d’arbusti ed alberi, seguendo i preziosissimi consigli degli erboristi più amati da Il GAS vi cambia… beh, non ci crederete ma mentre esaminavamo foglie, foglioline, rosette basali e gemme è uscito anche il sole e contro tutti i pronostici il cielo si è rischiarato… un bel segno per noi audaci… è il potere dell’andar per erbe che ci ha protetto.

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe3

Lorenzo ci ha anche spiegato che è necessario un coltellino perché in questo modo se ne preleva solo la “rosetta basale”, ovvero si tagliano d’un colpo solo tutte le foglie che spuntano dal terreno e si lascia in campo la radice di modo che “ricacci” e la Natura continui a vivere rigogliosa. Abbiamo davvero imparato tanto, qui sotto Sara immortalata mentre esamina con attenzione una pianta: ma sarà amara? Ma no, questa è senape e se ne possono mangiare i fiori e le cime cioè i piccoli bocciolini (e sono davvero ottimi!), ma bisogna fare in fretta i fiorellini non durano tanto e tra una decina di giorni saranno già diventati semini!

GAS Vignola Il GAS vi cambia - senape

senape in fiore

Ecco alcune delle piante, tutte commestibili (ma vanno mangiate cotte), che abbiamo imparato a riconoscere:

il papavero

GAS Vignola Il GAS vi cambia - papavero

la piantaggine

GAS Vignola Il GAS vi cambia -piantaggine

il sonchus asper o sonco di campo che nonostante l’aspetto ostile non è amaro (ma va raccolto giovanegiovane)

GAS Vignola Il GAS vi cambia - Sonchus_asper

la salvia pratensis

GAS Vignola Il GAS vi cambia - salvia pretensis

E alla fine dell’istruttiva passeggiata, tutte e tutti al Cacomela ad ascoltare Barbara che ci ha spiegato come usare tutte le erbette raccolte

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe5

Infine a casa… con orgoglio ecco il “bottino” di Eleonora: aglio selvatico, rucola di campo, consolida, soncio, salvia pratensis, streccapogn, senape, piantaggine, tarassaco (poco… che è amaro), papavero e silene detto anche schioppettino

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe 6

che sono finiti in padella, saltati con un po’ d’olio EVO, in un’ottima farifrittata

GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe7 GAS Vignola Il GAS vi cambia - andar per erbe8

Eleonora, Elena Z., Dafne, Sara, Stefania, Margherita, Jennifer con famiglia al completo, Fabio, Fausto, Michele

per il GAS vi cambia – Vignola

e un grosso grazie a Barbara e Lorenzo Strulgador.

eventi “il GAS vi cambia” primavera-estate 2014: SAVE THE DATE!

Gas Vignola GAS vi cambia primavera
Come ogni primavera-estate,
assecondando il risveglio primaverile,
abbiamo organizzato alcuni eventi per tutt§ noi del GAS;
lo sapete… il nostro principale obiettivo è
diffondere la pratica del consumo critico e consapevole
quindi le nostre energie sono concentrate principalmente su questo
ma quando arriva la primavera
ci piace fare qualcosa per imparare di più dei/dai nostri produttori
e stare un po’ insieme al di là delle frettolose distribuzioni dei prodotti.
Premesso che seguiranno mail specifiche rivolte a tutt§ i gasist§ con dettagli ed indicazioni per prenotarsi, intanto vi anticipiamo brevemente il programma così potete fin da ora segnarvi in agenda le date:
-23 marzo (domenica) ore 15.00: “riconoscimento e raccolta di erbe commestibili” con gli erboristi Strulgador, si cercheranno foglie e fiori buoni da mangiare, gemme d’alberi, assieme a consigli su come prepararli; il luogo sarà in collina, a Pieve di Trebbio;
-4 aprile (venerdì) ore 21,00: “incontro con gli Streccapogn-Biricoccolo-Arvaia” noi ed il GASBAZ di Bazzano si incontra il Biricoccolo, primo genito degli Streccapogn (farine di grani antichi e tanto altro) ed Arvaia;
-19 aprile (sabato) ore 15.00: “lo Swap-party, baratto@scambio@riciclo  scambio di vestiti (donna, uomo, bambino) scarpe, borse, oggetti, libri ed attrezzi; lo swap è tutto questo: scambiare con gasist§, amic§, parenti o sconosciut§, abiti che per un motivo o per l’altro sono finiti in fondo all’armadio ma anche oggetti e libri che, considerato il momento che sta attraversando la nostra economia, è meglio abituarsi a non buttare ma a scambiare perché ciò che non serve più a noi servirà sicuramente a qualcun altro;
-11 maggio (domenica) ore 13.30: pranzo del CompleGAS (siamo nati il 13 maggio 2011 ma quest’anno cade di martedì… e allora si gozzoviglia di domenica);
-31 maggio (sabato) ore 15.00: “andar per erbe” con gli erboristi Strulgador, scopriremo le piante spontanee e selvatiche per uso officinale, le loro virtù terapeutiche e come utilizzarle per curarci… l’anno scorso l’abbiamo fatta sul fiume Panaro, mentre quest’anno andremo in zona collinare a Montombraro dove lo scenario è completamente diverso.
Segnate tutto in agenda
e par-te-ci-paaaa-te… anche con bimbe e bimbi ovviamente
non ci fate sentire la frase: devo stare a casa col bimbo/a
per troppo tempo la donna è stata relegata a casa con questa scusa
venite con i vostri cuccioli, ci fa piacere incontrarli
la loro vitalità sarà per noi come una spada fresca per combattere 
un conformismo che non condividiamo
un caro saluto ovviamente solidale
ciaociao
eleonora mariotti

vellutata di sedano rapa

gas vi cambia vegan okGAS Vignola GAS vi cambia - vellutata di sedano rapa

Ingredienti:

-1 sedano rapa di Michele Caravita di CampiAperti

-1 patata media  di Valerio Abbiate

-1 cipolla ed 1 spicchio d’aglio di Michele Caravita

-10 dl di brodo vegetale degli Strulgador

– sale di Cervia q.b.

Preparazione:

-sbucciate e tagliate il sedano rapa (non buttate via il ciuffo di foglie: è buonissimo nel minestrone!) e la patata a dadini;

-fate soffriggere una cipolla, quando sarà dorata aggiungete uno spicchio d’aglio e fate sfrigolare ancora un po’;

-aggiungete al soffritto la dadolata di patata e lasciate soffriggere per 5min;

-aggiungete ora anche i dadini di sedano rapa;

-fate ammorbidire e insaporire un po’ aggiustando di sale;

-aggiungete 10 dl di brodo vegetale;

-fate bollire per 20 minuti;

-a questo punto frullate tutto col minipimer;

-decoratela con alcune foglie del sedano rapa;

-servitela calda calda con crostini.

Io l’aglio preferisco toglierlo, cioè lascio che insaporisca per bene l’olio e poi lo tolgo ma se vi piace lasciatelo pure; non scrivo mai come fare il brodo vegetale degli Strulgador perché è facilissimo ed è scritto sul barattolo: 1 cucchiaio in 2 bicchieri d’acqua ben calda ed il gioco è fatto…

Buona vellutata a tutti

gnam gnam

eleonora